Genitori Ego-Isti o Ego-Riferiti?

a cura della dott.ssa Marta Badella

parentAbiliter, Life – Coach Sistemico, Coordinatore Genitoriale

 

Oggi condivido la mia riflessione Sistemica partendo da una domanda:

La genitorialità croce o delizia?

Sono mamma di un ragazzo di 12 anni.

Il grosso cambiamento che ho attuato anche grazie alla sistemica è stato quello di riuscire a lasciare che mio figlio avesse il suo spazio evolutivo, permettendogli di essere sé stesso, di essere libero di sperimentare, di conoscere le sue potenzialità ed i suoi talenti, i suoi punti di forza e di entrare in contatto profondamente con le sue emozioni e i suoi sentimenti.

Come?

Scegliendo di essere una mamma Ego-ista.

Associare questo concetto alla genitorialità può sembrare alquanto curioso.

Solitamente associamo l’essere Ego-ista al non curarsi dei bisogni degli altri.

Il concetto di CURARE indica proprio il “prendersi cura di qualcuno.

Ed allora come possiamo prenderci cura dei nostri figli comportandoci da genitori egoisti?

Partiamo dal concetto dell’essere Ego-Riferito inteso come: cosa voglio per me?

Se stiamo bene noi, al nostro giusto posto di adulti e genitori, tutto il nostro sistema ne beneficia.

Questo agire ci rende liberi, dando un vero e proprio esempio di vita ai nostri figli.

L’esempio di poter scegliere liberamente ciò che vogliamo per noi anziché ciò che si aspettano le persone che fanno parte della nostra quotidianità.

Facciamo capire ai nostri figli che anche loro possono avere uno spazio libero di evoluzione imparando a loro volta ad essere Ego-isti = Ego-Riferiti domandandosi a loro volta “Cosa voglio per me?”.

Lasciargli così il giusto spazio di crescita facendogli tuttavia sentire quella vibrazione genitoriale che dice: IO PER TE CI SONO.

Essere un modello di vita, un modello evolutivo.

C’è un insegnamento che si dà senza le parole: si chiama esempio.

E allora mi domando:

Si può far percepire la propria presenza genitoriale stando in silenzio, osservando da lontano?

Si può essere genitore in una dimensione di Silenziosa Presenza?

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui tuoi social
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *