Oggi è domenica!

Nella mia memoria la parola Domenica è associata al pranzo in famiglia.

Uno dei piatti della domenica erano le tagliatelle fatte in casa con il sugo (sono toscana e il ragù non era una parola conosciuta :-)).

Oggi sono vegetariana e il sugo per me è solo pomodoro e le tagliatelle una versione modificata, ma ricordo quanto fosse divertente farle a mano con mia nonna Olga e il suo rasagnolo (eh no nemmeno la parola mattarello esisteva nella mia lingua 🙂).

Per questo ho pensato di raccontarvi come si fanno, in modo che possiate passare del tempo in famiglia con i vostri figli giocando insieme a:

LE TAGLIATELLE DI NONNA PINA

 

OCCORRENTE:

  1. buona musica di sottofondo che da energia buona al vostro cibo; (se la fate con i vostri bambini piccoli potete cantare prima ”le tagliatelle di nonna Pina” e mettere allegria nelle vostre mani e in quella dei vostri bimbi;
  2. braccia forti o disponibili – o una macchina stendipasta;
  3. un rasagnolo e una spianatoia (anche il tavolo o la superficie di cucina se è piana e liscia);
  4. panuccia (mhm qual è la parola italiana? grembiule? parannanza?)
  5. farina
  6. uova (nella versione non vegetariana)

DOSE

1 uovo

100 gr di farina

… decidete voi quante uova e quanta farina…..

 

PROCEDIMENTO

  1. Su un tagliere grande (una spianatoia o una superficie piana di cucina) facciamo una fontana con la farina e aggiungiamo al centro tutte le uova;
  2.  Aiutandoci con le mani o con una forchetta, prendiamo delle piccole quantità di farina e mescolandola a poco a poco con le uova.
  3.  Quando tutta la farina sarà stata assorbita dalle uova, cominciamo impastando con le mani, spingendo l’impasto verso l’esterno con i polsi.
  4.  Continuiamo ad impastare per circa 6-7 fino a quando non avremo ottenuto una palla omogenea, liscia, morbida e leggermente elastica. Se avete l’impastatrice, fatelo con l’impastatrice;
  5.  Una volta pronto, dividiamo l’impasto in due o tre parti. Strofiniamo con un filo di olio.Copriamo l’impasto e lasciamolo riposare a temperatura ambiente per 30-60 minuti.
  6.  Passato questo tempo procediamo a formare le tagliatelle.
  7.  Stendiamo ogni pezzo con il mattarello, partendo dal centro, fino ad ottenere una sfoglia dello spessore di 1-2 mm circa.
  8.  Lasciamo asciugare le sfoglie così ottenute per 20-30 minuti in modo da poterle piegare senza che si spezzino perché troppo secche o che si attacchino perché troppo fresche.
  9.  Avvolgiamo la sfoglia su sé stessa senza stringerla.
  10.  Con un coltello affilato, tagliamola senza schiacciarla facendo delle strisce larghe circa 6-8 mm.
  11.  Srotoliamole e disponiamole su un vassoio ad asciugare

NOTE

Una volta fatte seccare, le tagliatelle si possono congelare e consumare entro 3-4 mesi.

In questo caso vi consiglio di disporle su un vassoio e congelarle. Una volta congelate, riporle in porzioni negli appositi sacchetti.

 

TAGLIATELLE DELLA NONNA PINA VEGANA, VEGETARIANA 🙂

DOSE 4 persone:

400 gr di semola di grano duro

250 ml di acqua tiepida

6 gr di sale

PROCEDIMENTO Lo stesso come sopra.

 

Foto free dal web.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui tuoi social
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *